FG Wilson elettrizza il mondo - 50 Anni

Fred Wilson: una passione per l'ingegneria

Pensando al brand FG Wilson oggi molti di noi vedono un leader mondiale della produzione di gruppi elettrogeni. Ma cinquant'anni fa FG Wilson era una piccola azienda familiare tra tante, con una manciata di dipendenti che si occupavano di ingegneria generale.

Il suo fondatore, Fred Wilson, lasciò la scuola quando aveva 12 anni. Dopo un breve periodo nella fattoria del padre, andò a lavorare in un'azienda ingegneristica di Belfast, nell'Irlanda del Nord, dove acquisì delle nozioni di ingegneria mentre faceva il manutentore di pullman. Verso la fine degli anni '40 si occupava di utensili e macchinari negli impianti, e di tanto in tanto gli capitava di riparare e installare compressori e gruppi elettrogeni diesel. Nel 1966 Fred decise di rischiare e di mettersi in proprio. Il 20 aprile di quell'anno fondò la FG Wilson Engineering Ltd, società con 6 dipendenti e sede negli edifici di un ex stabilimento tessile. Fred era appassionatissimo di ingegneria dei trasporti, pertanto all'inizio si concentrò sulla produzione di mezzi di trasporto innovativi che progettava in prima persona.

I primi anni '70 furono segnati da una grave crisi energetica mondiale, per cui molte aziende erano in difficoltà. Con la guerra del 1973 in Medio Oriente, i produttori di petrolio dell'area dovettero limitare le forniture aumentando i prezzi, il che creò enormi problemi alle infrastrutture energetiche e di trasporto di molte economie forti. Ma Fred vide il razionamento dell'energia come un'opportunità. Prese in affitto un magazzino vicino all'aeroporto di Heathrow a Londra e iniziò a noleggiare degli aerei per far arrivare dei gruppi elettrogeni nel Regno Unito dagli Stati Uniti, vendendoli all'asta ai migliori offerenti. Nel 1974 la società di Fred registrò un fatturato record di 10 milioni di dollari (che oggi equivarrebbero a 115 milioni di dollari) con soli 30 dipendenti. Tra loro figuravano anche i suoi figli Tom e Gordon, che sarebbero diventati i principali promotori della crescita dell'azienda nei 20 anni successivi.

Fred presto si rese conto di essere in grado di assemblare autonomamente i gruppi elettrogeni e iniziò a pensare in grande. Dal 1975 il mercato mediorientale era in pieno boom e, grazie ai suoi contatti nell'area, iniziò a commercializzare delle mini centrali elettriche. La prima piccola centrale di produzione FG Wilson venne commissionata nel 1976 da Abu Dhabi. A questa ne seguirono molte altre nell'area. Fred era in grado di costruire, installare e mettere in servizio una piccola centrale elettrica in 3-6 mesi, mettendo a disposizione i suoi dipendenti per formare il personale del cliente e far funzionare gli impianti per 1-2 anni in seguito all'avviamento.

La fase di riformulazione della strategia


“La nostra crescita è stata il frutto della visione della dirigenza dei primi anni '80. Altre imprese si orientavano verso mercati di nicchia, ma la famiglia Wilson si era resa conto che l'azienda aveva bisogno di crescere per sopravvivere, per cui ha deciso di puntare sui grandi numeri.”

Così raccontava Mike Antonis, Business Development Director FG Wilson dal 1985 al '95 e Amministratore delegato dal 1995 al '97, in un intervento del 1994.

I grandi progetti offrivano buone prospettive, ma erano rischiosi per una piccola azienda. Inoltre, agli inizi degli anni '80 i prezzi del greggio stavano crollando, nel Medio Oriente era iniziata una nuova guerra e la domanda dei prodotti di Fred era diminuita.  Nel 1983 il figlio maggiore Tom assume il controllo della società, affiancato da un altro figlio, Gordon, in veste di Direttore commerciale.

“Ci siamo resi conto che per trovare nuovi mercati ed evolverci dalla tranquilla azienda familiare che eravamo per crescere davvero, dovevamo migliorare i nostri prodotti e riorganizzarci.”

Così si esprimeva Tom Wilson nel 1994.

FG Wilson rivoluziona il settore

In un'epoca in cui il mercato dei piccoli gruppi elettrogeni era popolato da moltissimi produttori di nicchia, Tom Wilson inverte la rotta, puntando alla produzione in serie di generatori standard pronti all'uso, proponendoli a costi competitivi e con tempi di consegna rapidi. Si concentra sullo sviluppo di piccoli gruppi elettrogeni autonomi, semplici da acquistare e da utilizzare, che richiedevano pochissimo lavoro di installazione. I design vengono standardizzati e l'azienda effettua enormi investimenti produttivi. Vengono inoltre stipulati contratti a lungo termine con produttori di motori e generatori di corrente alternata, negoziando i prezzi, le condizioni e i tempi di consegna migliori possibili. L'elemento centrale di questa strategia è stato un contratto di esclusiva con Perkins, all'epoca di proprietà di Massey Ferguson, siglato il 16 aprile 1986. Con quell'accordo, FG Wilson diventa il primo costruttore di unità con motorizzazione elettrica Perkins e il secondo maggiore cliente di questa azienda. L'alleanza, in base alla quale il brand FG Wilson viene sponsorizzato attivamente da un produttore di motori di primaria importanza, prevede attività di progettazione congiunta dei motori, che agevolano la condivisione di conoscenze e l'attività formativa. FG Wilson ha inoltre la possibilità di vendere direttamente i suoi gruppi elettrogeni ai distributori e alle affiliate Perkins.

FG Wilson continuava a produrre internamente la maggior parte degli altri componenti, per avere il massimo controllo dei progetti e dei costi. Parallelamente, i pannelli di comando e le cofanature più diffuse nei mercati vengono standardizzati per agevolare l'assemblaggio e garantire la massima qualità. Le soluzioni dell'epoca sono così diventate veri punti di riferimento per i modelli successivi.

Grazie a una serie di contratti di fornitura concorrenziali, FG Wilson si crea uno stock consistente di prodotti semi-finiti, che le permette di rispondere rapidamente a richieste impreviste, cosa che accade frequentemente nel settore dell'energia elettrica, caratterizzato da picchi e da cali improvvisi della domanda.  Verso la fine degli anni '80, il tempo medio di produzione è di 29 giorni, mentre i prodotti più piccoli possono essere consegnati in 2-3 settimane. Un'energica politica commerciale contribuisce a mantenere in movimento lo stock. In quegli anni sorgono vari uffici commerciali e vengono attivati molti canali di distribuzione, tutti in concorrenza tra loro, oltre a canali di vendita diretta nei luoghi in cui questo tipo di attività è giustificato.

Nello stesso periodo vengono stipulati accordi di branding con altri costruttori che iniziano a proporre i prodotti FG Wilson, ed è così che avviene il primo contatto con Caterpillar. Nel 1989 Caterpillar aveva deciso di abbandonare il settore dei piccoli gruppi elettrogeni, caratterizzato da una forte competitività, ma nei primi anni '90 molti suoi distributori iniziavano ad acquistare questi prodotti da altri fornitori. Nel 1991, alcuni dei principali distributori di FG Wilson sono effettivamente distributori Cat e, per esercitare un'influenza maggiore in questo mercato, Caterpillar decide quindi di appaltare ad altri costruttori la produzione dei gruppi elettrogeni destinati ai suoi distributori. Crea così il brand Olympian e sceglie FG Wilson come suo fornitore per l'Europa, l'Africa e il Medio Oriente. Il contratto viene siglato il 15 giugno 1992. I prodotti venduti ai distributori Caterpillar non sono altro che macchine FG Wilson verniciate di giallo e nero. In cambio, FG Wilson riconosce a Caterpillar una piccola royalty su ciascuna unità venduta, tenendo per sé il resto dei profitti.

FG Wilson nella sfera Caterpillar

Nel 1993 FG Wilson è ormai un costruttore di successo. La sede produttiva di Larne è ritenuta la più grande struttura mondiale del suo genere e l'azienda può contare su personale giovane ed entusiasta, con un'età media di soli 25 anni.

L'azienda è cresciuta enormemente in un brevissimo lasso di tempo, attraendo l'attenzione di altri investitori.  Così, nel 1994 Emerson Electric acquista FG Wilson dalla famiglia. Alla fine del 1995 nasce invece la joint-venture tra Emerson e Caterpillar, in base alla quale FG Wilson produce gruppi elettrogeni a marchio Caterpillar nei propri stabilimenti. Nel 1999 Caterpillar acquista del tutto FG Wilson, avendo quindi accesso completo agli stabilimenti produttivi, alla progettazione, al brand FG Wilson e alla sua rete di distribuzione. Oggi FG Wilson completa la gamma di gruppi elettrogeni a marchio Caterpillar e, mentre quest'ultima si propone sul mercato come brand di fascia alta, FG Wilson si è posizionata come “utility brand”, permettendo a Caterpillar di accedere alla fascia media del mercato, competitiva e caratterizzata da volumi elevati.

Dall'epoca della fondazione di FG Wilson, il mercato dei piccoli gruppi elettrogeni si è trasformato radicalmente. Oggi è popolato da una miriade di nuove aziende, molte delle quali stanno adottando lo stesso approccio con cui Tom Wilson apri loro la strada intorno al 1980. 

Ma i valori fondamentali di FG Wilson rimangono gli stessi: un rapporto strettissimo con il brand Perkins, lo stesso approccio flessibile alla distribuzione, la progettazione di unità all'avanguardia e la capacità di produrre su progetto, con la quale FG Wilson si è costruita un nome negli anni '70. Mentre FG Wilson guarda al futuro quelle fondamenta resistono, più solide che mai.